COSA BEVEVANO PIU’ DI 2500 ANNI FA?

UnknownArcheobirra”, così si può definire la nostra Etrusca. Perché il nome è evocativo di un’antica civiltà e la sua realizzazione nasce dalla ricerca di una bevanda fermentata in epoca etrusca, selezionando gli ingredienti in base ai ritrovamenti effettuati in diversi siti archeologici italiani. Birra del Borgo, Baladin e Dogfish Head, utilizzando tecniche di fermentazione diverse e grazie all’aiuto del professor Patrick McGovern, archeologo molecolare dell’Università della Pennsylvania, si sono cimentati nell’impresa di ricreare una birra bevuta più di 2500 anni fa. A Borgorose l’Etrusca ha riposato in grandi anfore di terracotta assumendo un colore ambrato spento che ricorda quello dei vini in anfora. Il profumo è quello del miele e della frutta rossa con inedite note minerali. La fermentazione in anfora le ha donato un’acidità elegante, fatta di sfumature uniche, profumate e rinfrescanti. Insomma, arte birraria+ archeologia=archeobirra. Provare per credere!

 

Questa voce è stata pubblicata in Birre, Collaborazioni, Progetti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a COSA BEVEVANO PIU’ DI 2500 ANNI FA?

  1. Sabrina Torti scrive:

    Grazie per questo esperimento interessante, curioso e “colto”; la Vostra Etrusca è piacevole, delicata e consistente nello stesso tempo.
    Complimenti!
    PS: fermentano in terracotta altre sperimentazioni archeo-storico-birrarie ? (;-)

    • Borghigiano scrive:

      Ciao Sabrina!
      Gli esperimenti in Anfora sono solo agli inizi. Non saranno esperimenti “archeologici” ma saranno comunque birre estremamente innovative!
      Siamo tutti in attesa dei primi risultati 😉

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>