Le Perle ai Porci, le ostriche alla Birra del Borgo

Ogni promessa è debito, dunque eccoci qui a presentarvi la seconda anteprima firmata Birra del Borgo che potrete assaggiare da questa sera all’Open Beer Festival di Roma. Qualche giorno fa vi abbiamo parlato della Fiori di Testa, brassata durante il Birra del Borgo Day; oggi invece andremo alla scoperta di un’altra creazione inedita e assolutamente particolare. Si chiama Perle ai Porci ed è una Stout realizzata con l’impiego di ostriche. Avete capito bene, proprio ostriche, utilizzate in grande quantità per regalare alla birra aromi e profumi davvero unici.

Per quanto possa sembrare stravagante, l’uso di ostriche nell’arte brassicola è una soluzione ben conosciuta, che in passato ha dato vita a un sottostile preciso: quello delle Oyster Stout. La nostra Perle ai Porci si ispira proprio alla ricetta classica: abbiamo aggiunto la bellezza di 15 kg di ostriche su un totale di 500 litri di mosto. Ostriche buonissime, tra l’altro: Fin de Claire N2, arrivate a Borgorose direttamente dalle coste della Bretagna.

I molluschi sono stati aggiunti con tutto il guscio per 30 minuti durante la bollitura. Il guscio dona alla birra intriganti note minerali, mentre il mollusco contribuisce alla morbidezza della birra e fornisce un certo indizio salmastro, che arricchisce ulteriormente l’esperienza gustativa. Insomma, si tratta di una creazione esclusiva di cui andiamo particolarmente fieri. I primi assaggi ci hanno positivamente impressionato per il risultato finale, ora non vediamo l’ora – e forse neanche voi – di farvela provare!

Dato che la tecnica di produzione è davvero inusuale, abbiamo pensato di scattare alcune foto, che trovate nella galleria a seguire. Per un assaggio vi aspettiamo all’Open Baladin di Roma!

Questa voce è stata pubblicata in Birre, Vecchio birrificio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Le Perle ai Porci, le ostriche alla Birra del Borgo

  1. Oteca scrive:

    quante ve ne siete magnate?!?!!?

  2. tiberina scrive:

    torno a Roma a luglio, potrò ancora trovarla per assaggiarla (all’Open, ma anche altrove)?

    • Borghigiano scrive:

      Se non viene prosciugata in questi giorni dovresti trovarla regolarmente alla spina all’Open :)

      • tiberina scrive:

        Non so se sperare che la finiscano (indice di successo) o sperare che ne rimanga per me!
        Ma finita quella non ce ne sarà più, o ne porterete altra?
        Posso trovarla anche in altre birrerie (tipo bir&fud, ma che siete venuti a fa’…)?

  3. CrochetGirl scrive:

    assaggiata! e devo dire che mi è piaciuta molto.. da “ignorante in materia” posso dire che credo che le ostriche abbiano ingentilito e un po’ mitigato il classico sapore della stout, che non è proprio il mio genere di birra.. ma di pearl for pigs me ne sarei presa un’altra!

    bellissime le foto.. direi poetiche!

    • Borghigiano scrive:

      Sì, in effetti le ostriche tra le altre cose conferiscono una certa “morbidezza” alla stout! Contenti che ti siano piaciute birra e foto :)

  4. Marco scrive:

    Ciao, si trova anche in bottiglia??? spero di prenderla per il mio beer-shop!

  5. Marcolin scrive:

    E’ stata quindi una produzione a “tiratura limitata”, oppure ci sarà una replica?
    Non c’è alcun modo di trovarla in giro?
    Grazie!

  6. DKPaolo scrive:

    tutta la mia stima! complimenti!

  7. Pingback: Open Baladin Birthday – 2 anos « Parágrafo 11

  8. Pingback: Birre ad Alta Fermentazione - Lega Nerd

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>