Se la Reale fosse… ReAlt?!

Come vi avevamo anticipato, il 10 giugno un piccolo ma agguerrito gruppo di reduci del BdB Day e’ venuto a trovarci in birrificio per paretcipare alla seconda tappa del progetto Se la ReAle fosse nata a… Ospite di quest’anno, come gia’ avevamo scritto e soprattutto come ha potuto toccare con mano e… palato chi ha partecipato alla festa e ha assaggiato le sue straordinarie birre, e’ stato Andreas Gaenstaller che ci e’ venuto a trovare da Bamberga (lo vedete qui accanto insieme alla moglie Manuela e ad Andrea Lecchini durante il laboratorio HomeBrewing al BdB Day). E dunque ecco qualche dettaglio sulla ReAlt, ovvero Se la ReAle fosse nata a Bamberga!

Se la Reale fosse nata a… Bamberga

Anche quest’anno avremo un ospite d’onore al BdB Day che viene a trovarci da lontano! Si tratta di Andreas Gänstaller, famoso birraio di Bamberga che ha molti fan e amici anche in Italia!
Andreas, che insieme alla moglie Manuela (li vedete qui accanto) ha una accogliente birreria – oltre che il birrificio – appunto nei pressi di Bamberga, sara’ con noi sabato e domenica tra la Villa Comunale e il Vecchio Birrificio. Ma la vera ragione della sua visita e’ la giornata di lunedi’! Anche quest’anno infatti, sperando di risvegliarci in grande forma dopo la festa, brasseremo una nuova “puntata” del progetto Se la ReAle fosse nata a… iniziato appunto lo scorso anno con Brewdog e la Reale in Kilt!

Piccola ma… bella!

Permetteteci di vantarci un po’ nel presentarvi una novita’ di cui siamo particolarmente fieri: la nostra nuova bottiglia da 0,33 l.!

Volevamo ampliare la gamma delle nostre Classiche (e non solo) in formato piccolo, ma cercando di mantenere la sagoma inconfondibile delle nostre “grandi”, in modo che la bottiglia non sfigurasse anche su una tavola ben apparecchiata senza perdere il gusto di una bevuta “impulsiva”, anche solitaria! Cosi’, ci siamo scervellati un bel po’ per trovare la giusta soluzione e per risolvere alcune questioni tecniche relative all’etichettatura, anche in questo caso per mantenere la nostra tipica etichetta a losanga. Infine, ma non ultimo, volevamo cercare di ridurre l’impatto ambientale delle nostre bottiglie, dando un contributo seppur piccolo alla sostenibilita’ ambientale.

 

E se la Reale fosse nata in…. ?

Dopo la Fumata Nera (il blend in cask di Reale in Kilt e Ducale) proposta in esclusiva per la serata Birra del Borgo al Macche proprio nei giorni del Conclave, ci sarebbe piaciuto proporre un’altra instant beer in omaggio al nuovo Papa, ma come sapete le Blanche non sono nelle nostre corde e i tempi di fermentazione non ce l’avrebbero permesso. Per fortuna, pero’, avevamo gia’ in serbo qualcosa di assolutamente adatto all’occasione! Siamo onorati di poter presentare proprio in concomitanza con la Santa Pasqua la nuova tappa del progetto “Se la ReAle fosse nata a”… che in questo caso diventa “in…”

Vi presentiamo Federica!

Chi e’ Federica? Prima di tutto e’ una bellissima bimba bionda che potra’ capitarvi di incontrare in giro tra i tavoli della Pizzeria Salvo, vale a dire una delle migliori pizzerie d’Italia. Un locale ormai storico, che da tre generazioni porta avanti la tradizione della pizza napoletana ma che da qualche mese si e’ rinnovato trasformandosi in un locale moderno e accogliente incentrato sulla qualita’ assoluta. Se siete a Napoli e dintorni non potete non conoscerla, e se siete lontani… beh, mettete in programma una gita a San Giorgio a Cremano!

Tutto fa brodo, e che brodo!

Mancano pochi giorni all’inizio del “più grande festival al mondo riguardante le Real Ale” (“the world’s biggest Real Ale festival”), organizzato in Gran Bretagna dalla famosa catena di pub (e non solo) J. D. Wetherspoon due volte all’anno, in autunno e in primavera. Per questa edizione, che partirà il 24 ottobre, JDW ci ha invitato a partecipare proponendoci di produrre in esclusiva per la loro catena una Ale presso il noto birrificio d’oltremanica Everards Brewery. Qui di seguito potete leggere i particolari della nostra ultima creazione prodotta con estro ed ingredienti insoliti, per ricordare infatti che a volte si può osare: il suo nome è “Tutto fa Brodo”!

I Giorni dell’IPA – per un pugno di luppoli!

Siete pronti per l’evento birraio piu’ “caldo” della stagione? Nonostante il clima non proprio tropicale di Borgorose, infatti, il 6 ottobre si preannuncia un mezzogiorno (e oltre…) di fuoco in quel di Spedino!
Niente duelli a colpi di pistola, ma Leonardo Di Vincenzo, Bruno Carilli, Luigi Recchiuti e Pietro di Pilato sapranno come stupirvi anche senza effetti speciali con una giornata ad alto contenuto di… luppoli!

 

Una cotta da pionieri!

Riconoscete il tipo nella foto, quello che versa il malto per l’ammostamento? Si, e’ proprio lui! Mike Murphy, storico birraio “americano de Roma” – molti di voi lo ricorderanno anche per il suo  locale Starbess – al momento di stanza in Norvegia, e’ venuto a trovarci a Borgorose per una collaboration beer! Eccolo alle prese con l’impianto di Colle Rosso insieme ad Andrea e Matteo.