Arriva la Settimana della Birra Artigianale!

Ormai ci siamo! Neve, freddo e blizzard non riusciranno a fermare la miriade di eventi previsti in tutta Italia per la settimana piu’ “cool” dell’anno… e non parliamo di temperature! Noi siamo quasi pronti, resta solo da spalare un altro po’ di neve, quella che a quanto pare cadrà nel week end (ma niente paura, ormai pare che ci si sia organizzati a sufficienza e qualcosina per scaldarci la troveremo…)

Oyster Day: il 21 gennaio le perle le diamo ai porci, ma le ostriche ce le mangiamo noi!

Quest’anno, in occasione della cotta della Perle ai Porci, la nostra Oyster Stout, abbiamo deciso di fare le cose in grande… ma anche buone, pulite e giuste! Brasseremo la nostra birra aggiungendo circa 40 chili di ostriche provenienti dalla Francia, ma anche una ventina di chili di bivalvi decisamente più’ a chilometro zero: le Telline del Litorale Romano, primo presidio ittico di Slow Food nel Lazio (sperando in condizioni meteorologiche favorevoli e in una pesca fortunata).

BdB Story, una serata da ricordare

Lunedi’ scorso l’Open Baladin di Roma ha ospitato la serata Birra del Borgo Story organizzata da SlowFood Roma.Un’occasione per ripercorrere i 6 anni di attivita’ di Birra del Borgo attraverso alcune delle nostre birre insieme ai piatti di Gabriele Bonci realizzati con prodotti laziali selezionati da Vincenzo Mancino di Dol le carni delle Ecofattorie Sabine e i superortaggi di Pomarius. Marco Valente della Taberna di Palestrina (il primo locale ufficiale Birra del Borgo, insomma uno che ci conosce bene!) ci racconta le sue impressioni sulla serata, insieme alle belle immagini scattate da Marco Cenci, che nonostante tutto e’ riuscito a rimanere sobrio fino alla fine a giudicare dalla qualita’ delle foto: grazie a tutti e due!

Parigi val bene una birra

Parigi val bene una birra, o anche un paio. Pure nella capitale francese c’è un bel movimento legato alla birra artigianale, anche grazie alla nuova (più o meno nuova, a dir la verità) ventata portata dalla bistronomie, fusione tra alta cucina e posti (e prezzi) semplici inaugurata da alcuni chef come Inaki Aizpitarte dello Chateaubriand (11 posto secondo la classifica dei S. Pellegrino World’s 50 Best Restaurants 2011, menu degustazione a 45 euro).